Salute Mentale

Molto spesso i bisogni presentati dai pazienti psichiatrici non necessariamente ricadono nell’ambito del Servizio psichiatrico, ma riguardare anche il diritto di cittadinanza e la dignità della persona in quanto tale. Sono relativi ad aspetti della vita quotidiana, alle risorse necessarie per vivere, alle relazioni interpersonali e affettive, al lavoro, all’alloggio.

Riteniamo centrale riattribuire alla persona il ruolo di lavoratore, di familiare, di Persona, ciò rappresenta al tempo stesso una parte importante della cura e il risultato della cura stessa.

 

Benché questa trasformazione appaia ormai consolidata positivamente dal punto di vista scientifico ed etico, rimane comunque aperto il problema dei pazienti psichiatrici e delle loro famiglie, di come la comunità ed i servizi possano rispondere alla pluralità di bisogni di cui sono portatori.

 

Altro aspetto centrale è l’opportunità di fornire una corretta informazione ai cittadini al fine di superare i pregiudizi relativi alla inguaribilità e alla pericolosità sociale della persona con malattia mentale; pregiudizi che sono alla radice dei comportamenti di esclusione, di rassegnazione al peggio e, spesso, anche di ostilità e di disprezzo verso le persone con problemi psichici.

Questi sentimenti, purtroppo diffusi anche tra i familiari, sono il più potente ostacolo alla solidarietà con il paziente e alla comprensione della sua sofferenza che sono invece il punto di partenza di qualsiasi trattamento.

di incomprensione e di esclusione che possono tenere il paziente chiuso in ambiti cronicizzati.

 

Riteniamo che il reale miglioramento nella condizione di salute mentale avvenga quando la persona comincia a svolgere ruoli sociali (espletabili anche con l’aiuto di borse-lavoro) e quando escono dal circuito psichiatrico per connettersi direttamente con i concittadini e il territorio. Le risorse della comunità (posti di  lavoro, abitazioni in cui vivere indipendentemente dalla propria famiglia e contesti formativi dove riprendere gli studi, ecc.) sono fondamentali per i processi di guarigione e per non restare intrappolati  nei servizi psichiatrici, cronicizzandosi e desocializzandosi ulteriormente.

 

 

AttivaMente, in ati con le Cooperative Sociali Croce Verde Servizi, Corbola Servizi Socio Sanitari, Peter Pan e Airone, gestisce come Capo Progetto la Comunità Alloggio Corte Guazzo e il Gruppo Appartamento Protetto Arcobaleno di Adria (RO).

Video AttivaMente